Via Longo, firmato l'accordo che porterà all'abbattimento delle palazzine popolari

Credito alle imprese, l'allarme della Cna: in due anni “bruciato” oltre un miliardo

Francy è la regina teramana delle torte: da aspirante avvocato a cake designer

Che “Kutso” di concerti capita di vedere a Teramo! Stampa
Lunedì 09 Luglio 2012
kutsoChe Kutso di concertone ieri sera! Non posso che esordire con questo (scontato) gioco di parole per descrivere l'esibizione della band romana di scena ier alla Piazzetta del sole. Finalmente un gruppo italiano che diverte e si diverte sul palco, senza ricorrere a chissà quali stramberie (a parte il look del chitarrista, un omone con canottierina e pantaloncini aderenti) ma facendo fede solo all'ironia e alla voglia di suonare. Il loro pop-rock è allegro, scansonato e anche (per fortuna) un pò demenziale, con testi irriverenti che fanno subito presa. Merito del front-man Matteo Gabbianelli, un vero showman che sa intrattenere il pubblico a suon di battute in romanesco e piccole gag (come quando nel finale scende tra la folla e la coinvolge in ritmi e frasi no-sense). Una specie di Ceppaflex (il cantante dei Prophilax) con la voce (ottima) vagamente simile a Ivan Graziani e il look da ex metallaro di borgata.

Ma il suono dei Kutso risente chiaramente delle distorsioni anni 90', con quella chitarra weezeriana che imperversa sulle canzoni rendendole orecchiabili e potenti allo stesso tempo. La gente sembra apprezzare, anche quando il clima si fa per un attimo "serio" con la cover di Fabrizio De Andrè ("Canzone dell'amore perduto"), a mio parere veramente ben fatta. Poi la situazione torna alla cazzonaggine più pura, e l'ora e mezza di concerto vola via in scioltezza con il già citato finale a fare da degno epilogo. Tra una birra e l'altra ci si sposta in pista per il dj-set ska-punk firmato dallo Squin. Stasera tocca al garage-blues dei piemontesi Movie Star Junkies, (a seguire dj set rock and roll dei Singing Dogs), poi domani Antipop chiude i battenti con il post-punk dei Soviet Soviet. Altrove tanti altri concerti, in attesa che cali il sipario sulla 40esima edizione della Coppa Interamnia. Teramo però, non torni nell'oblio! E che Kutso!

Luca Graziani
Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Luglio 2012 17:47
 

Giuda live @ Officine Indipendenti (foto di Angelo Di Nicola)

Musica e Gusto...

"Del mio meglio"
rubrica di Musica e Gusto di Teramonews giradischi

Caro diario...

Gianni Gatti premiato al Bari International Film Festival
rubrica del Cinediario di Teramonews